Siti e aree archeologiche in Calabria

I siti e le aree archeologiche presenti in Calabria sono la testimonianza delle varie dominazioni e delle culture che hanno interessato il passato di questa regione. L’influenza della dominazione greca prima e di quella romana dopo, rimane evidente ancora oggi nella tradizione e nella cultura calabrese.
Il Patrimonio archeologico della Calabria ricopre, nella struttura dei Beni Culturali, una posizione privilegiata. Ciò è  dovuto alla grande importanza storica dei tanti siti archeologici presenti in Calabria. Dal sito paleolitico della Grotta del Romito alle diverse aree archeologiche risalenti al periodo greco-romano.
Parco Archeologico di Locri Epizefiri

Parco Archeologico di Locri Epizefiri

Il Parco Archeologico di Locri Epizefiri si trova a circa 4 Km a sud in direzione Reggio Calabria dall’odierno centro abitato di Locri. L’ingresso, costituito dal nuovo Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri, è accessibile dalla SS 106 Ionica.
Parco Archeologico di Sibari

Parco archeologico di Sibari

Il Parco Archeologico di Sibari si estende per 168 ettari e si trova al km 25 della strada statale 106 Ionica. L’area archeologica si trova sulla riva sinistra del fiume Crati, sotto il livello della faglia acquifera creando grossi problemi dovuti alle infiltrazioni d’acqua.
Parco Archeologico di Capo Colonna

Parco archeologico di Capo Colonna

Dieci chilometri più a sud della città di Crotone, sul promontorio di Capo Colonna, dove ieri insisteva il grande Heraion Lakinion, oggi sorge il Parco Archeologico omonimo realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria.